Viaggio tra i castelli catari nel sud della Francia

La storia dei catari

zingaro di macondo

 

 

Spesso mitizzata ben oltre la realtà, la storia dei catari (o albigesi) vale sicuramente un viaggio in Francia.

Se non vuoi guidare fino alle zone dei castelli albigesi, che distano dal confine di Ventimiglia più di 500 km, una buona alternativa è prendere un aereo fino a Tolosa, Gabriel Tibaldi poi da lì noleggiare un’auto.

Da Tolosa a Carcassone, il centro nevralgico della storia catara, c’è un’ora di strada.

Prevedi circa una settimana per visitare le fortezze e i luoghi dei Catari, un periodo lungo abbastanza da consentirti di approfondire la storia degli Albigesi.

mappa catari zingaro di macondo

La zona dei castelli catari nell’estremo sud della Francia (segnalata in rosso) – Zingaro di Macondo –

Chi erano i catari (o albigesi). La storia dei catari.

Il Catarismo fu un movimento cristiano critico nei confronti della Chiesa e dei suoi precetti.

I catari avevano una visione del mondo fortemente manicheo, cioè dividevano la realtà nettamente in due: da una parte c’era il Male, dall’altra il Bene.

Da un lato c’erano le creazioni di Satana, una specie di antedio con gli stessi poteri e la stessa forza del «Buono», dall’altro quelle di Dio. E tutto era di conseguenza rigidamente catalogato in questo modo.

Una visione schematica che riteneva la Chiesa nientemeno che una delle tante creazioni di Satana, un’istituzione al servizio del Male mascherata da istituzione «buona».

In cosa credevano i catari

Il senso di quest’articolo è quello di darti alcuni consigli sulle località imperdibili e che, personalmente, hanno fatto del mio viaggio nel sud della Francia, un viaggio davvero indimenticabile.

L’obiettivo non è quello di scrivere una storia esaustiva dei catari (in calce all’articolo trovi diversi link se ti va di approfondire).

Qui mi limito ad elencarti i principali punti del credo albigese, in modo che tu possa avere una visione d’insieme:

  • Il mondo intero è una creazione di Satana.
  • Il sesso è male. Attraverso l’unione carnale tra uomo e donna, infatti, si continua il gioco della creazione malefica.
  • Il dio raccontato dall’Antico Testamento è un dio malvagio, La storia dei Catari Zingaro di Macondoprobabilmente si tratta di Satana in persona.
  • La Chiesa, in quanto istituzione terrena, è essa stessa «figlia» di Satana, tra le peggiori proprio perché si «maschera» della parola di Dio.
  • La proprietà privata è Male.
  • Ripudio del Battesimo.
  • Ripudio del Matrimonio.
  • Solo «i puri», «i perfetti» possono rivolgersi a Dio. La preghiera è riservata a loro. Mentre l’uomo comune deve attraversare un lungo periodo di «iniziazione» prima di sperare di divenire «perfetto».

I luoghi dei catari. Consigli per un viaggio alla scoperta dei castelli albigesi.

L’attuale regione dell’Occittania, in particolare quella del sud est, fu la zona eretica dell’anno mille per antonomasia.

Una regione che durante il Medio Evo preoccupò la Chiesa di Roma proprio a causa del proliferare di questa «setta», fino al giorno della famosa crociata indetta da Papa Innocenzo III che li spazzò via con una ferocia e una violenza inaudite.

Dove andare per visitare le zone catare

Sono sette le zone che ti consiglio di visitare, lungo una strada che ti porterà a vedere i luoghi della storia albigese così ricchi di fascino e storia che non ne rimarrai certamente deluso.

  • Aguilar
aguilar de campoo

Il castello di Aguilar – Zingaro di Macondo –

  • Carcassone
Carcassone la città fortificata

Carcassone, la città dei Templari e del Canal du Midi – Zingaro di Macondo –

  • Peyrepertuse
la fortezza di peyperteuse viaggio tra i castelli catari nel sud della francia zingaro di macondo

La fortezza di Peypertuse – Zingaro di Macondo –

  • Puilaurens
Castello di Puilaurens. Viaggio tra i castelli catari nel sud della Francia. Zingaro di Macondo

Il Castello di Puilaurens – Zingaro di Macondo –

  • Queribus
Il castello albigese di Queribus. Zingaro di Macondo

Il castello albigese di Queribus – Zingaro di Macondo –

  • Termes
Il minuscolo comune di Termes. Zingaro di Macondo

Il minuscolo comune di Termes – Zingaro di Macondo –

  • Lastours

Questa ultima località, Lastours, comprende quattro castelli indipendenti all’interno dello stesso complesso fortificato.

I quattro castelli di Lastours sono:

  • Cabaret
  • Tour Régine
  • Surdespine
  • Quertinheux

Potrai visitare tutti i castelli facendo base a Carcassone, visto che si trovano tutti nel raggio di 50-110 km dalla città catara per eccellenza con la sua imperdibile fortezza medievale.

Una catena montuosa degna di nota, se ti rimarrà del tempo per qualche trekking, è quella della Montagna Nera, a nord di Carcassone e visibile dal Canal du Midi che taglia in due la città nuova.

Lo sterminio dei catari. La storia dei catari

I predecessori di Innocenzo III avevano istituito il famoso Tribunale dell’Inquisizione, il cui scopo era di punire, anche con la morte, i presunti eretici.

In buona sostanza gli eretici erano tutti coloro che in un modo o nell’altro mettevano in dubbio la supremazia della Chiesa o anche solo alcuni tra i suoi precetti fondamentali.

Innocenzo III, desideroso La storia dei Catari Zingaro di Macondocom’era di estirpare qualsiasi tentativo di «eresia», estese al massimo i poteri del Tribunale.

Nel 1209 indisse la storica crociata contro i Catari, il che si tradusse nel fatto che moltissimi guerrieri vennero mandati nel sud della Francia con il preciso ordine di sterminarli senza pietà.

Vent’anni di saccheggi e battaglie sanguinose, non solo annientarono i Catari, ma ridussero alla fame l’intera regione.

Perché ci fu una crociata contro gli Albigesi?

La domanda è più che lecita.

In fondo erano tanti i movimenti di riforma, la maggior parte dei quali non preoccupavano più di tanto la Santa Sede.

In quegli anni, i Catari non erano di certo gli unici a «lamentarsi» della Chiesa.

In ogni parte d’Europa, dai Balcani fino all’Oceano Atlantico, diverse La storia dei Catari Zingaro di Macondofazioni religiose invocavano un rinnovamento del Cristianesimo, alle volte criticandolo fin nei suoi aspetti più fondamentali.

Il fatto è che questa regione della Francia era particolarmente ricca e la nobiltà del posto era mal disposta nei confronti del Papato, ragion per cui non solo tollerò i Catari, ma probabilmente ne incoraggiò le dottrine anticonformiste ed «eretiche» in funzione antipapale.

In gioco c’era dunque la reputazione della Chiesa all’interno di un territorio decisamente strategico.

Papa Innocenzo III decise lo sterminio dei Catari, con conseguente riduzione in stato di povertà delle genti del luogo che avevano protetto, tollerato e sostenuto la «setta eretica».

I Catari oggi

I Bogomili, con tutta probabilità gli ultimi eredi del credo albigese, furono definitivamente spazzati via in Bosnia dall’avanzata musulmana nel XVII secolo.

travel designer tours

itinerari per la felicità disegnati per te!

 

Oggi è difficile dare una posizione geografica e istituzionale dei catari sparsi nel mondo.

Probabilmente esistono ancora parecchi adepti del credo albigese, ma nessuna istituzione vera e propria che faccia da «collante».

L’Occitania, la regione catara

Se ti capiterà di parlare con gli abitanti dell’Occitania ti renderai immediatamente conto del carattere anti conformista e poco incline ad accettare i centralismi «dogmatici», sia in materia religiosa che di stato.

L’Occitania è una regione molto particolare; La storia dei Catari Zingaro di Macondoper poco non è diventata uno stato vero e proprio, e ancora oggi possiede una lingua propria (non un dialetto, ma una vera e propria lingua!).

Una lingua latina come latine sono gli idiomi dell’Europa sud occidentale.

Oggi l’Occitania è una semplice regione «come le altre» e i giovani non parlano più l’occitano dei padri. Una lingua che, purtroppo, poco o nulla si sta facendo per mantenere in vita.

Il fatto poi, che proprio nelle zone sud orientali della regione si sia sviluppato questo movimento religioso anti convenzionale, ha in un certo senso raddoppiato le energie «ribelli» del popolo occitano, un popolo che si sente sì francese, ma che è anche fortemente orgoglioso della propria storia, così unica e particolare da meritare senza dubbio un viaggio.


Bibliografia:

La storia dei catari:

National Geographic

Storia-controstoria


Il vero massacro dei Catari da Repubblica

I Catari da Mondimedievali


CONTINUA CON:

una notte sulla transiberiana